Home  -   Area Riservata  -   Archivio
EcoMuseo del Pianalto di Romanengo

Sezioni principali del sito

Serie D girone D, scocca l’ora del derby tra Fiorenzuola e Vigor Carpaneto 1922


Domenica alle 14,30 al “Comunale” terza sfida stagionale tra Coppa e campionato tra le uniche due rappresentanti piacentine in categoria. La guida al match

Dopo quattro mesi e mezzo è nuovamente tempo di derby tra Fiorenzuola e Vigor Carpaneto 1922, le due rappresentanti piacentine nell’universo-serie D che domenica alle 14,30 si ritroveranno di fronte per il derby di campionato, in programma al “Comunale” del capoluogo valdardese. La sfida, la numero tre della stagione, è valida come trentunesima giornata del girone D e metterà di fronte due squadre con obiettivi contrapposti: il Fiorenzuola di Alessio Dionisi non vuole farsi sfuggire i play off, mentre la Vigor di Stefano Rossini vuole coronare la missione della salvezza diretta senza passare dalle sabbie mobili dei play out.

Nell’ambiente del calcio piacentino, alto è l’interesse per una sfida che quest’anno torna dopo quasi un quarantennio (campionato di Promozione 1978-1979). In casa biancazzurra, comunque, l’attenzione è sempre rivolta al discorso-salvezza, con la Vigor che arriva all’appuntamento con 37 punti, a +7 sulla zona play out e con una striscia di sei risultati utili consecutivi, frutto di una vittoria e cinque pareggi, l’ultimo dei quali mercoledì nel recupero casalingo contro la Pianese (1-1).

A presentare la partita è il tecnico del Carpaneto Stefano Rossini. “A me – osserva Rossini – il fattore-derby interessa poco, è molto più una partita importante per la classifica. Non ci aspetta sicuramente un compito facile, come del resto non lo è mai ogni domenica in questo campionato. Sono convinto che il nostro salto di qualità da compiere sia l’aspetto mentale”. Focus sul Fiorenzuola di Alessio Dionisi. “Se è lì in alto in classifica – spiega l’allenatore della Vigor Carpaneto – vuol dire che merita sicuramente; è una squadra di qualità, che gioca bene e ha individualità. Non a caso ha guidato la classifica per tutto il girone d’andata”.

A proposito d’andata: al “San Lazzaro” la Vigor riuscì a passare subito in vantaggio per poi controllare bene la situazione, salvo poi subire in pieno recupero il pareggio rossonero a firma di Cestaro. “Per fare risultato – prosegue l’allenatore biancazzurro – dobbiamo avere come loro corsa e intensità, perché senza è difficile fronteggiarli. E’ vero che all’andata non avevamo ancora il possesso palla che abbiamo costruito nel frattempo, ma questo fattore da solo non basterebbe, anche perché il Fiorenzuola è molto aggressivo. Dovremo essere bravi quanto loro, se non di più”.

Purtroppo, l’infermeria non sorride alla Vigor, con la partita di mercoledì che ha lasciato strascichi pesanti: il laterale sinistro Davide Tinterri ha riportato la rottura del legamento crociato (in bocca al lupo per la riabilitazione da parte di tutta la Vigor), con la sfortuna che continua ad abbattersi sul Carpaneto, alle prese con il quarto infortunio di questo tipo che in precedenza ha colpito i vari Terzi, Zuccolini e Zito. Inoltre, contro la Pianese è stato costretto a uscire anzitempo il centrale difensivo Diego Tognassi, alle prese con un problema al ginocchio.

L’AVVERSARIO – Il Fiorenzuola di Alessio Dionisi condivide il terzo posto con il Villabiagio a quota 52 punti, due in più del Forlì, mentre il sesto posto (il primo che esclude dai play off) dista cinque lunghezze ed è in possesso del Lentigione. In casa rossonera, non saranno della partita il portiere Alessandro Vagge, il mediano Nicola Mazzotti (infortunati) e il difensore Marco Paolo Nava (squalificato).

All’andata, il Fiorenzuola aveva giocato il derby da capolista, mentre ora è leggermente più attardato in classifica. “La flessione era fisiologica – osserva mister Dionisi – per una squadra giovane e che doveva salvarsi. Stiamo facendo bene e dobbiamo ricordare che davanti e dietro a noi ci sono corazzate; se ci avessero detto di firmare per essere dove siamo l’avremmo sicuramente fatto e magari non eravamo nemmeno troppo convinti della cosa. Ora il nostro obiettivo sono i play off”. Quindi aggiunge. “Anche il Carpaneto sta facendo molto bene, ma la cosa non mi stupisce. E’ una squadra che ha valori ed è compatta e normalmente questo tipo di formazioni raggiungono il proprio obiettivo. Inoltre, ha giocatori di esperienza, il primo su tutti Rantier che in pochi hanno in questo campionato”.

“All’andata – aggiunge il tecnico del Fiorenzuola – siamo stati fortunati a pareggiare in recupero, anche se per come avevamo giocato era il minimo, con il Carpaneto che era andato in vantaggio subito e poi aveva cercato di difendere il risultato. Mi auguro di non andare sotto subito domenica e di fare di più, cosa che non ci è riuscita all’andata. Mi aspetto una partita equilibrata dove cercheremo di fare la nostra prestazione, poi il risultato spesso è la conseguenza, anche se non sempre accade, come nel nostro ultimo turno. Speriamo di offrire un bello spettacolo al pubblico presente”.

LA TERNA ARBITRALE – A dirigere l’incontro tra Fiorenzuola e Vigor Carpaneto 1922 sarà l’arbitro Giorgio Vergaro della sezione Aia di Bari, coadiuvato dagli assistenti Daniele Di Maggio di Ozieri e Daniele Usai di Oristano.

GLI EX – Nelle fila del Carpaneto militano tre ex Fiorenzuola, tutti nel reparto arretrato: si tratta del terzino sinistro Samuele Barba, del collega di ruolo Iacopo Spagnoli e del difensore centrale e capitano Marco Fogliazza.

BOMBER PRONTI – La sfida vedrà tra i protagonisti anche alcuni tra i bomber più prolifici del campionato: in casa rossonera quattordici sono le reti segnate da Davide Bosio, mentre per la Vigor Julien Rantier e “Pape” Sylla hanno realizzato rispettivamente 12 e 10 gol. Curiosamente, nessuno di loro è andato in gol nei due precedenti scontri diretti.

CURIOSITA’ – Al “Comunale” si affronteranno due tra le squadre che hanno pareggiato di più nel campionato: 13 “x”, quota raggiunta anche dalla Pianese, avversaria della Vigor nel recupero di mercoledì scorso terminato 1-1. Simili anche gli score dell’attacco: 42 reti segnate per il Fiorenzuola, una in più del Carpaneto, mentre sensibile è il gap dei gol subiti (24 dai rossoneri, 40 dai biancazzurri).

I PRECEDENTI – Le due squadre si sono affrontate in due occasioni in questa stagione, entrambe al “San Lazzaro” di Carpaneto: in estate il Fiorenzuola vinse 1-0 (gol di Mazzotti) il turno preliminare di Coppa Italia, mentre il primo novembre i rossoneri pareggiarono 1-1 in extremis (Cestaro al 93’ dopo il vantaggio iniziale di Rossi al 4’) nel match d’andata.

IL TURNO – Questo il programma della trentunesima giornata del girone D di serie D (domenica ore 14,30): Correggese-Colligiana, Vivi Altotevere Sansepolcro-Imolese, Rimini-Lentigione, Aquila Montevarchi-Mezzolara, Sporting Trestina-Romagna Centro, Pianese-Sammaurese, Castelvetro-Sangiovannese, Forlì-Tuttocuoio, Fiorenzuola-Vigor Carpaneto 1922, Sasso Marconi-Villabiagio (ore 15).

LA CLASSIFICA – Rimini 64, Imolese 59, Villabiagio, Fiorenzuola 52, Forlì 50, Lentigione 47, Romagna Centro 46, Sangiovannese 45, Sammaurese 44, Pianese 43, Aquila Montevarchi 40, Vigor Carpaneto 1922 37, Tuttocuoio, Sasso Marconi 33, Mezzolara, Sporting Trestina 30, Castelvetro 28, Colligiana, Correggese 26, Vivi Altotevere Sansepolcro 24.

 

Nella foto, il centrocampista della Vigor Carpaneto 1922 Stefano Mauri in azione nel derby d'andata al "San Lazzaro"

 

Condividi su:
U.S.D. Vigor Carpaneto 1922 - Via San Lazzaro, 1 - 29013 Carpaneto P.no (PC) - P.IVA 01275680336

Home  |   Privacy  |   Cookies  |